Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

Le applicazioni della fisica nucleare ai beni culturali

Fra le ricadute applicative della Fisica Nucleare ce ne sono anche alcune - non sempre note al grande pubblico - che riguardano i Beni Culturali. Ad esempio, lo stesso tipo di strumentazioni e tecnologie sviluppate nell’ambito della Fisica Nucleare per scoprire proprietà di nuclei e particelle elementari (acceleratori, rivelatori, etc.) si possono utilizzare per determinare la composizione dei materiali impiegati in un’opera d’arte, o per datare reperti archeologici o storico- artistici (magari scoprendo dei falsi!), aiutando gli storici dell’arte e gli archeologi a ricostruire e interpretare la storia del passato, e i restauratori a intervenire con cognizione di causa sulle opere che richiedono interventi conservativi. Nella conferenza spiegheremo in maniera divulgativa i principi di queste tecniche al servizio del Patrimonio Culturale e mostreremo esempi di applicazioni.

Interviene: Pier Andrea Mandò Dipartimento di Fisica e Astronomia, Università degli Studi di Firenze
Introduce: Renato Angelo Ricci Comitato Scientifico Associazione BergamoScienza
TAGS
  • fisica nucleare
  • beni culturali
  • datazione reperti
  • restauro opere d’arte
  • acceleratori di particelle
  • rilevatori di particelle
  • composizione dei materiali
  • particelle
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166