Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

Il DNA è un'alternativa ragionevole per archiviare informazioni digitali?

Il genoma umano è l’hard disk della biologia umana e in esso sono codificate le istruzioni per costruire, attivare e reprimere ogni molecola di cui siamo composti. Il DNA è la molecola che conserva il genoma. Nick Goldman ci illustrerà la scoperta e l’esplorazione del genoma umano dalla prima “bozza grossolana” all’enorme mappa funzionale del progetto ENCODE. Ci parlerà inoltre di un esperimento innovativo, in cui sono stati usati metodi di sintesi e di sequenziamento standard del DNA per archiviare e ritrovare cinque file digitali: tutti i sonetti di Shakespeare, uno stralcio dal discorso di Martin Luther King “I have a dream”, l’articolo fondamentale sulla struttura del DNA di Watson e Crick, una fotografia dell’Istituto Europeo di Bioinformatica e il codice che è stato usato per tradurre il tutto. Questa ricerca ha aperto la via all’utilizzo del DNA come mezzo per archiviare informazioni digitali, una sfida crescente in una cultura sempre più dipendente dal digitale.

Interviene: Nick Goldman The EMBL European Bionformatics Institute Wellcome Trust Genome Campus, Hinxton, UK
Introduce: Roberto Sitia Università Vita Salute San Raffaele, Milano, Comitato Scientifico Associazione BergamoScienza
TAGS
  • bioinformatica
  • DNA
  • genoma
  • genoma umano
  • hard disk
  • mappa funzionale
  • ENCODE
  • progetto ENCODE
  • sisntesi DNA
  • sequenziamento DNA
  • archiviazione dati
  • archiviazione file digitali
  • codice
  • codice genetico
  • digitale
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166