Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

Il caso Nazareth tra archeologia e storia

La ricerca “di” Gesù è indissolubilmente abbinata alla ricerca “su” Gesù. Ce ne parlano gli scritti canonici, redatti a ridosso degli eventi, cristallizzando la memoria di alcuni testimoni oculari. Intorno a Lui ruotano le frammentarie testimonianze apocrife, riflesso della ricerca e degli orientamenti dottrinali delle prime comunità cristiane, sorte in ambienti culturali differenti e talvolta contrapposti. In quanto elemento scientifico, il dato archeologico è soggetto a interpretazioni storiografiche e a mediazioni culturali, ma rimane pur sempre una fonte, un documento a disposizione per ricostruire il personaggio storico di Gesù di Nazareth e il suo ambiente. L’Archeologia, intesa come scienza storica, ebbe in Terra Santa una delle prime palestre in cui affinò la sua metodologia. Da allora si sono succedute scoperte piccole o clamorose, occasionali o sistematiche che hanno apportato un tassello in più per ricomporre l’affascinante mosaico sul rabbino itinerante di nome Yeshua - questo il nome di Gesù in lingua semitica - nato nella “Città di Davide” a Betlemme di Giudea e vissuto in un villaggio marginale della Galilea chiamato Nazareth.

Relatore: Eugenio Alliata archeologo, Studium Biblicum Franciscanum, Gerusalemme

Introduce e modera: Carlo Dignola giornalista
TAGS
  • Nazareth
  • Gesù
  • scavi
  • Vangeli
  • testimonianze
  • egesippo
  • Giuseppe
  • vangeli apocrifi
  • eusebio di cesarea
  • itinerario dell’ anonimo Piacentino
  • grotte
  • scavi archeologici
  • restauro
  • epoca crociata
  • laser scanner
  • archeologia
  • ricostruzione tridimenzionale
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166