Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

Matematica e letteratura

La letteratura centra l’attenzione sull’uomo. La matematica, invece, sembra occuparsi di un mondo, se non inumano, almeno non umano. È dunque quantomeno sorprendente che queste due attività del pensiero possano avere connessioni di qualunque genere. Esse sono, invece, legate da una fitta, seppure impalpabile, rete di echi, rimandi e corrispondenze. Tanto nei capolavori letterari quanto nelle opere dei grandi matematici rimaniamo affascinati sia dalla forza inventiva degli autori sia dall’eleganza e dal rigore dell’architettura. La creazione letteraria e quella matematica - che sono entrambe da considerare, in maniera diversa, manifestazioni dell’intelligenza linguistica di Homo sapiens - sembrano quasi scaturire dalla tensione essenziale che si innesca tra la libertà, apparentemente infinita, di invenzione, composizione, variazione e le limitazioni imposte dai vincoli formali e strutturali.

Relatore: Claudio Bartocci Università di Genova
Introduce: Marida Bertocchi Università degli Studi di Bergamo
TAGS
  • matematica
  • letteratura
  • classificazioni
  • cultura scientifica
  • cultura umanistica
  • struttura del sonetto
  • geometria
  • Paul Valery
  • arbitrario
  • necessario
  • sestina
  • Fondamenti della geometria
  • Hilbert
  • idee matematiche
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166