Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

Vita fetale e destino umano

Nel 1976 Nicola Peluffo pubblicò le sue elaborazioni pioneristiche sulla relazione madre-feto a partire dalla vita intrauterina. In quegli anni la scienza medica non disponeva ancora della strumentazione ad ultrasuoni che oggi rappresenta una “finestra” attraverso la quale è possibile osservare la vita del feto a tre dimensioni e in tempo reale. L’osservazione diretta delle espressioni di piacere e dispiacere del feto confermarono la sua compartecipazione agli accadimenti intrauterini. Il periodo gestazionale, dunque, riveste un’importanza fondamentale nella strutturazione somatopsichica dell’essere umano e gli eventi traumatici acquistano un’estrema rilevanza relativamente alla vita futura del nascituro che ne risulta condizionata.

Intervengono: Quirino Zangrilli Istituto Italiano di Micropsicoanalisi, Fiuggi; Ulrich Honemeyer Welcare Hospital, Dubai, Emirati Arabi
Introduce: Bruna Marzi Istituto Italiano di Micropsicoanalisi
TAGS
  • feto
  • madre
  • vita psichica intrauterina
  • psicosi
  • simbiosi materno- fetale
  • gestazione
  • narcisismo primario
  • settimane di gestazione e sviluppo fetale
  • psicoanalisi
  • body babbling
  • fetal sensory system
  • liquido amniotico
  • composizione liquido amniotico
  • memoria della vita fetale
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166