Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

La mia attrazione per l'arte pittorica tibetana

Nessuna attività professionale da sola può occupare una mente umana per sempre. Il mio interesse scientifico per la Risonanza Magnetica Nucleare aveva bisogno di un complemento umanistico o artistico. Per caso, l'arte pittorica tibetana ha svolto questa funzione durante le ultime cinque decadi, sostituendo il mio iniziale amore per la musica classica. La mia affinità con il Tibet risale a una visita che feci in Nepal nel 1968. La filosofia buddista è accessibile attraverso dipinti pieni di colori che seguono uno stretto codice-colore. La filosofia buddista pervade tutto nelle nazioni buddiste e governa tutti gli aspetti della vita. La filosofia buddista è documentata da più di 1000 anni nelle nazioni himalayane di Tibet, Nepal e Bhutan, e ha portato a una lunga continuità di tradizioni. La mia collezione personale di Arte Himalayana è una documentazione affascinante del Buddismo in Asia Centrale.

Interviene: Richard Ernst Premio Nobel per la Chimica nel 1991 Introduce: Marco Leona David H. Koch Scientist in Charge, Metropolitan Museum of Art New York

Breve biografia di Richard Ernst:

Premio Nobel per la Chimica nel 1991
Nato: 14 Agosto 1933, Winterthur, Svizzera
Affiliazione al momento del premio: St. Eidgenössische Technische Hochschule (Swiss Federal Institute of Technology), Zurigo, Svizzera
Motivazione per il premio: “per il suo contributo allo sviluppo del metodo spettroscopico ad alta risoluzione della risonanza magnetica nucleare”
TAGS
  • Pittura tibetana
  • buddismo
  • Nepal
  • Tibet
  • Bhutan
  • filosofia buddista
  • colori
  • codice-colore
  • Arte Himalayana
  • pittura
  • arte
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166