Per poter visualizzare il video devi iscriverti o fare accesso alla piattaforma

I giochi matematici cooperativi

La Teoria dei Giochi, la scienza dei modelli matematici di situazioni di conflitto, ebbe le prime applicazioni economiche a partire dal 1944. All'inizio degli anni ’50 due erano i più importanti problemi irrisolti: le soluzioni competitive e cooperative dei giochi “a somma variabile”, cioè nei quali alla vincita di un giocatore non corrisponde una uguale perdita per gli altri. Fu grazie ai contributi di John F. Nash che tali problemi trovarono risposta: i Nash equilibria e la Nash bargaining solution. Da allora la teoria ha trovato moltissimi altri campi applicativi: dalla sociologia alla politica, al marketing, alla finanza, ai giochi di società, all’ecologia, alla biologia, alla psicologia, alla medicina, allo sport, con interessanti implicazioni anche negli studi logici, filosofici e religiosi.

Relatore: John F. Nash matematico, Premio Nobel per l’Economia, 1994
Introduce: Gianfranco Gambarelli Facoltà di Economia, Università di Bergamo

Breve biografia di John F. Nash:

Premio Nobel per l’ Economia nel 1994
Nato: 13 Giugno 1928, Bluefield, WV, USA
Morto: 23 Maggio 2015, New Jersey, NJ, USA
Affiliazione al momento del premio: Princeton University, Princeton, NJ, USA
Motivazione per il premio: “per l’analisi pionieristica dell’equilibrio nella teoria dei giochi non-cooperativi”
TAGS
  • Teoria dei Giochi
  • modelli matematici
  • Nash equilibria e la Nash bargaining solution
  • giochi in forma caratteristica
  • giochi in forma estensiva
  • gioco in forma normale
  • giochi matematici cooperativi
AGGIUNGI MAGGIORI INFORMAZIONI ALLA SCHEDA
AGGIUNTA PAROLE CHIAVE

ASSOCIAZIONE BERGAMOSCIENZA C/O BERGAMOSCIENCECENTER
SEDE SOCIALE: VIALE PAPA GIOVANNI XXIII, 57 - 24121 BERGAMO - C.F. 95150570166